Pagina 1 di 1

Riflessioni di un commesso pendolare : che bello

Inviato: giovedì 15 dicembre 2005, 21:37
da Limitato
ahhh che bello svegliarsi all'alba, e scoprire che l'amico treno arriva puntuale...in ritardo , ehh si è proprio vero che le piccole cose quotidiane rasserenano la vita ...ti danno quel senso di sicurezza :shock: , ed è pur bello salire su quel treno che ti accoglie con quel teporino (67 gradi C) che ti fa sentire come a casa , ed è bello stare in piedi a contatto con la gente e leggere su un cartello affisso sul vagone : "lavoriamo in punta di piedi" ,.. insomma non ti senti solo (a stare in punta di piedi) , e girarti e leggere "lavoriamo per i prossimi 100 anni" (infondo perchè lavorare per i prossimi 2 anni !?) , ed è bello quando per caso ti "scordi" di timbrare il biglietto una volta in tutto l'anno e scopri come le leggi di murphy ci pigliano in pieno ... ed è pure bello scendere a san rossore e fare un po di ginnastica per schivare qualche innocente siringa sparsa per la stazione per la strada e nel sottopassaggio ..ed è bellissimo fare in due ore di esercitazione un solo esercizio e sentirsi diire alla fine delle due ore:

"RAGAZZI QUESTO NON è IL MODO DI RISOLVERE L'ESERCIZIO , LA PROSSIMA VOLTA LO RIFACCIO COL METODO GIUSTO"

:shock:
che bello essere pendolari
Paolone

PS : che bello quando un prof ti da l'appuntamento per il giorno dopo , tu prendi il treno ti fai quei 45 minuti sola andata 6 euro di biglietto arrivi li e la segretaria ti dice che il prof si era scordato che aveva da fare un esame!!!!
(sono senza parole) ogni riferimento citato non è da attribuire al prof Gobbino che resta the number one

Inviato: domenica 11 febbraio 2007, 19:53
da MeRC
xò, una vita abb stressante! :wink: