insiemi che non siano chiusi e limitati

Topic aperti durante l'anno accademico 2004/2005, non più attivi
Messaggio
Autore
Avatar utente
joey
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 1
Iscritto il: martedì 21 dicembre 2004, 10:46

insiemi che non siano chiusi e limitati

#1 Messaggioda joey » martedì 21 dicembre 2004, 10:52

:? qualcuno sa dirmi se c'è un criterio, o insomma come si fa, per trovare i max e min di una funzione quando l'insieme non è chiuso e limitato? va fatto per tentativ? a occhio? rispondete.. grazie!
:lol:
:-)

Avatar utente
Massimo Gobbino
Amministratore del Sito
Amministratore del Sito
Messaggi: 1997
Età: 50
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2004, 19:00
Località: Pisa
Contatta:

#2 Messaggioda Massimo Gobbino » martedì 21 dicembre 2004, 16:09

Ho spostato qui il messaggio perchè mi sembra la sua collocazione naturale.

Avatar utente
Ste il brutale
Utente in crescita
Utente in crescita
Messaggi: 7
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2004, 10:06
Località: VIAREGGIO

#3 Messaggioda Ste il brutale » martedì 21 dicembre 2004, 20:07

Credo che basti fare uno studio di funzione.Trovi il limite della funzione a più infinito e a meno infinito e poi fai la derivata prima e la studi > = < 0.Così trovi i punti di max e min della funzione.
Ma questo e` Taylor.
NO PERDITEMPO.
C'è una guardia,non vi farà entrare.

p.s.c
Utente in crescita
Utente in crescita
Messaggi: 8
Iscritto il: lunedì 6 dicembre 2004, 21:52

studio di funzioni su insiemi non limitati

#4 Messaggioda p.s.c » martedì 4 gennaio 2005, 18:52

Prima di tutto non si capisce se stai parlando di funzoni in una o più variabili. Seconda cosa se sei in una variabile studia il segno della funzione e della sua derivata prima, i limiti a + e - infinito e nei punti sensibili che avrai trovato fin dall'inizio. Fatto questo se vuoi essere più preciso puoi, nei punti dove si annulla la funzione, vedere l'ordine di infinitesimo e quindi con che tangente il grafico tende a tale punto. Lo stesso puoi farlo a +/- infinito, per vedere anche qui con che tangente la funzione va a infinito.
Nel malaugurato caso che un insieme del genere ti capiti in due o più variabili affidati a Dio se sei credente, nel caso contrario spera che la funzione sia semplice. Se ciò non si verifica chiudi il libro e vai a fare due passi....quando torni riprendi la funzione e gurda se con le rette o con l'hessiano riescia capire qualcosa. buon divertimento...
P.S nel secondo caso vedere le cose a occhio è il consiglio migliore che è stato dato anche a me...
"il cielo stellato sopra di me, la morale dentro di me"....


Torna a “Archivio A.A. 2004/2005”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite